Giuseppe Sbriglio

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

forza_delle_idee1

La bella politica del buon esempio

Abbiamo appena approvato il bilancio del Comune di Torino. In questo difficile momento, il Paese così come la Città, stanno chiedendo ai cittadini grossi sacrifici: non sono più tempi di facili promesse, la politica deve concentrarsi a evitare il fallimento e, per il nostro Comune, questo si concretizza nel contenere il debito e mantenere gli standard qualitativi nei servizi essenziali e nella difesa del welfare. Una cosa manca sovente alla politica e a volte anche nella nostra realtà: il buon esempio. Anche se in alcuni casi il buon esempio non incide fortemente sui bilanci, aiuta a combattere la sfiducia nella politica. Un dipendente comunale, magari anche laureato, che guadagna poco più di 1000 euro al mese, come può fare con serenità il proprio lavoro se c'è chi guadagna quasi venti volte più di lui senza titolo, ma solo per aver fatto gavetta alla corte di un potente? Gli studenti del Politecnico o di Economia come possono comprendere che si viene nominati nelle aziende strategiche che dipendono dalla Città solo per logiche preistoriche? Non aspettiamo solo i decreti del governo o le sentenze della magistratura per cambiare le cose: diventiamo noi i primi artefici del cambiamento. Non sono grandi sogni ma fatti concreti e possibili affinché ci si possa svegliare un giorno con uno Stato che può volgere lo sguardo al futuro con speranza e con una Torino che non guarda solo al mondo ma è anche ammirata, con forte interesse, da tutti!.

Giuseppe Sbriglio

alt

blog comments powered by Disqus