Giuseppe Sbriglio

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

forza_delle_idee1

MISURE PER IL CONTRASTO DELLA LUDOPATIA

Il sottoscritto Consigliere Comunale,


PREMESSO CHE

Il gioco d’azzardo è in rapida espansione su tutto il territorio comunale, tanto che ad ogni angolo della città è possibile ormai incorrere in uno o più esercizi dedicati a questo genere di “intrattenimento”.
I cittadini lamentano continuamente il proliferare sconsiderato di sale scommesse ed esercizi che ospitano video slot machine, anche nelle vicinanze di scuole, ospedali e luoghi di culto.

CONSIDERATO CHE

Il gioco d’azzardo può causare gravi disturbi del comportamento, con forti attinenze con la tossicodipendenza e tutte le problematiche ad essa correlate.
Sebbene il gioco sia vietato ai minori di anni 18, vista l’abbondanza dell’offerta sempre più giovanissimi vengono attratti dal fenomeno, con conseguenze sociali allarmanti.
Gli individui affetti da cosiddetta ludopatia, oltre a trascurare il lavoro e lo studio, possono arrivare a commettere reati più o meno gravi per procurarsi le somme necessarie a proseguire le giocate.
Il fenomeno del gioco d’azzardo patologico è una problematica di interesse nazionale, che ha recentemente spinto il Dipartimento delle Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, di concerto con altri Ministeri, alla costituzione di un Piano d'Azione Nazionale (PAN) rivolto alla all’individuazione di misure idonee al contrasto del gioco patologico.

PRESO ATTO CHE

Con sentenza n°220/2014, la Corte Costituzionale ha riconosciuto il diritto dei Comuni di introdurre vincoli alla proliferazione delle sale da gioco, superando la questione di legittimità dell’iniziativa economica che sembrava impedire agli enti locali di regolamentare il fenomeno.
In particolare, la sentenza ammette la derogabilità del principio della libera iniziativa economica attraverso l’introduzione di limiti territoriali, purché “connessi alla tutela della salute, dei lavoratori, dell’ambiente”.
Questo giudizio rappresenta un passo importante nella lotta alla ludopatia, in quanto fornisce ai Comuni uno strumento fondamentale per arginare l’espansione di un fenomeno così deleterio.

INTERPELLA IL SINDACO E LA GIUNTA

Per sapere, a fronte di questa recente svolta giurisprudenziale, se la Città di Torino abbia allo studio qualche misura per la prevenzione ed il contenimento del fenomeno del gioco d’azzardo patologico.

Giuseppe Sbriglio


blog comments powered by Disqus