Giuseppe Sbriglio

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

forza_delle_idee1

GUIDA IN STATO D'EBBREZZA: COME COMPORTARSI

La  cultura italiana è ricca di tradizione culinaria ed enogastromica, soprattutto il Piemonte è famoso in tutto il mondo per le sue accellenze nel vino. Ritengo che bere del buon vino possa essere un piacere difficilmente rinunciabile per qualcuno ma incompatibile con la conduzione di un veicolo.

Il consiglio migliore per preservare la patente e tenervi alla larga da un procedimento penale è uno solo: NON METTERSI ALLA GUIDA DOPO AVER BEVUTO! In questo modo, soprattutto, tutelerete l’incolumità vostra e degli altri utenti della strada.

In troppi pensano che il modo migliore per evitare guai, in caso di accertamento con l’alcool test, sia rifiutarsi di sostenere l’esame.  SBAGLIATO

Infatti, qualora l’utente della strada si rifiuti di sottoporsi al test, secondo il disposto dell’art. 186 comma 7 D. Lvo 285/1992, viene “automaticamente” punito con la sanzione più grave, ovvero quella di cui all’art. 186  comma 2 lett.c )  D. Lvo 285/1992, con non lievi conseguenze in sede penale e amministrativa.

La cosa migliore da fare, in caso di accertamento positivo all’alcool-test alla guida, è mantenere i nervi saldi, non farsi prendere dal panico e dallo sconforto, non avere atteggiamenti polemici con gli agenti che svolgono il loro lavoro e rivolgersi immediatamente a chi  possa consigliarVi nel modo migliore.

La Nostra Associazione può fornirvi l’aiuto e la professionalità per trovare la soluzione più adatta al Vostro caso. Anche nelle guide in stato di ebbrezza, infatti, vi sono situazioni che possono notevolmente divergere dalle altre, sul piano della gravità della condotta e della possibilità di difesa, in relazione alle quali, ovviamente, vi è necessità di approcci differenti che i nostri consulenti potranno fornirVi.

Avv. Giuseppe Sbriglio

Responsabile Adusbef Torino

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

alcol-test


blog comments powered by Disqus