Giuseppe Sbriglio

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

forza_delle_idee1

MA IL CARCERE DI TORINO FA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA?

Il sottoscritto Consigliere Comunale,

PREMESSO CHE

La casa circondariale Lorusso e Cotugno ospita attualmente circa millecinquecento detenuti, almeno due terzi dei quali consuma acqua confezionata in bottiglie di plastica.
Considerando un consumo medio di una bottiglia di acqua al giorno (del peso di circa 30 grammi) per ciascun detenuto e, di conseguenza, uno scarto di oltre 360.000 bottiglie all’anno, è verosimile stimare una produzione annuale di circa 10 tonnellate di plastica all’interno del carcere;

RILEVATO CHE

Nonostante Amiat abbia già predisposto tutte le misure necessarie alla differenziazione dei rifiuti prodotti nel carcere, sembrerebbe che all’interno della struttura non si sia ancora riusciti ad avviare la raccolta differenziata e che pertanto tutta la plastica di scarto venga mescolata ai rifiuti irrecuperabili;

CONSIDERATO CHE

Esiste un principio costituzionale secondo il quale la pena deve tendere alla rieducazione del condannato: in quest’ottica, la cultura del riciclo e del rispetto dell’ambiente potrebbe costituire uno strumento efficace per la promozione di comportamenti virtuosi e lo sviluppo di un senso civico più forte anche tra coloro che vengono a trovarsi temporaneamente reclusi all’interno del carcere, ma che in futuro torneranno a far pienamente parte nella società;

INTERPELLA IL SINDACO E LA GIUNTA

Per sapere:
- Se quanto affermato corrisponda al vero;
- In caso di risposta affermativa, quali misure l’Amministrazione Comunale intenda porre in essere al fine di ovviare al problema, promuovendo la cultura del riciclo anche all’interno della casa circondariale.

Giuseppe Sbriglio


blog comments powered by Disqus

Malasanità, responsabilità medica , errori in ambito sanitario. Come difendersi

07/02/2018
  Tema di grande rilevanza nel panorama giuridico italiano è senza ombra di dubbio quello inerente la responsabilità medica. La materia è stata recentemente interessata dalla legge di riforma Gelli – Bianco, che ne ha ridisegnato la disciplina da un punto di vita civilistico e penalistico. La novità più importante sotto il...
Leggi tutto